di FinanzaWorld staff

Trevi, una storia di successo

del 22/02/2012
di FinanzaWorld staff

Il gruppo Trevi nasce nel 1957 come "Impresa Palificazioni
TREVISANI Geom. DAVIDE", dal nome del suo
fondatore.

La societa' inizia subito ad operare nel settore delle
fondazioni speciali e negli anni '60 vengono brevettate
le prime tecnologie nel campo delle attrezzature
semoventi e degli scavi.

Alla fine degli anni '60 inizia il processo di sviluppo
ed espansione che portera' la societa' alle dimensioni
attuali.

Tale processo si realizza sia con la costituzione di
aziende e societa in settori affini, come ad esempio
la SOILMEC nel settore metalmeccanico, sia
tramite lo sviluppo internazionali con costituzione
di societa' in Argentina, Nigera, Hong Kong,
Filippine ed altri Paesi.

Nel 1983 la societa' cambia denominazione in
Trevi SPA.

La realtà di oggi è quella di un gruppo consolidato nelle
tecnologie sino ad ora utilizzate, e costantemente alla ricerca
di nuove soluzioni adatte alla soluzione dei problemi sempre
piu complessi affrontati dall'ingegneria civile in tutto il mondo.

Le attivita' spaziano dai lavori marittimi alle dighe,
dalle opere edilizie civili ed industriali alle energie
rinnovabili, oltre che ricerca di idrocarburi e risorse
idriche.

Oggi la societa' sfiora il miliardo di euro di fatturato
e realizza utili netti per oltre 40 milioni annui.

La maggior parte del fatturato e' realizzato all'estero.

Un'azienda, quindi, con un business molto interessante
ed internazionale, cosa che la rende molto interessante
anche per il portafoglio di "In Borsa in Italia", il nostro
Premium dedicato interamente alla Borsa del
nostro paese che in passato ha scovato titoli con profitti
superiori al +100%.

E in 5 anni di vita ha guadagnato il +41% medio,
mentre l'Indice FTSE MIB perde, nello stesso periodo,
addirittura il -55%.

Se volete conoscere il nostro e scoprire i titoli
del portafoglio, cliccate qui e fate una prova gratuita e
senza impegno per 15 giorni.
https://www.finanzaworld.it/product/view/13282c6ea957b788dd399bd259133bee74

La societa' non presenta molte controindicazioni,
essendo sicuramente una storia di successo del
nostro Paese.

Due sono i principali campanelli di allarme.

Il primo e' l'indebitamento, attualmente pari
all'80% del capitale netto e quindi non proprio
basso, sebbene nemmeno troppo preoccupante.

Il secondo e' il leggero peggioramento dei risultati
operativi dai livelli di picco precedenti alla
crisi del 2008.

Una cosa comune a molte aziende e che nel caso
di Trevi, poi, non si tratta di un peggioramento
enorme.

Questi sono i due elementi da tenere prevalentemente
sotto controllo prima di effettuare un investimento
su questo titolo.

--------------------------------------

E' uscito il nuovo dossier di Francesco Carla'
"Da Zero a Investitore Intelligente", la guida per
trasformare un Fwiano Aspirante in un TopVincitore,
un dilettante allo sbaraglio in un bravo investitore.

Clicca subito qui per scaricarlo gratuitamente:

https://www.finanzaworld.it/product/view/1721e97
230f1177f257ddb128cf1dd9867e






Segnala questo articolo ad un amico

Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria