di FinanzaWorld staff

ERG, potenziamento del business delle rinnovabili

del 9/04/2014
di FinanzaWorld staff

La scorsa settimana abbiamo parlato di
Saras, uno dei principali gruppi italiani
nel settore energia e oil.

Oggi vediamo una societa' molto simile,
cioe' ERG, uno dei principali gruppi energetici e
petroliferi italiani indipendente e completamente
privato.

Fondata a Genova nel lontano 1938, il nome
iniziale è Edoardo Raffinerie Garrone, dalle cui
iniziali deriva il "logo" ERG.
Inizialmente l'attività consiste nella commercializzazione
di prodotti petroliferi che vengono ricavati da una
materia prima a basso costo, cioè i fondami delle
petroliere che raggiungono il porto di Genova.
Queste petroliere debbono liberarsi di questi residui
per effettuare la manutenzione e l'allora giovane ERG
da questi residui realizza i prodotti petroliferi che poi
commercializza.

L'attività si sviluppa molto presto ed ERG
abbandona questa fase "pionieristica" per diventare
uno dei principali gruppi italiani del settore. Il primo
salto di qualità avviene quando negli anni '50
ERG stipula un accordo di lavorazione con British
Petroleum. Il contributo di BP è fondamentale, poichè
la multinazionale diventa anche azionista della società,
stipula con la stessa accordi di lavorazione di lungo
termine e partecipa allo sviluppo del management di
ERG.

Da questo punto in avanti la crescita del gruppo è
notevole e costante, nonostante la crisi degli anni '70
e la concorrenza sempre maggiore.

ERG apre nuove raffinerie in Italia, sviluppa la propria
rete commerciale di stazioni di , quindi si allarga
l'orizzonte del gruppo: non solo petrolio, ma energia a
tutto campo.

Oggi ERG e' un gruppo energetico diversificato
attivo sostanzialmente in tre aree.

La prima, quella del refining & marketing, vede
la societa' impegnata in una joint venture con Total
(TotalErg,) con la quale opera nel downstream
integrato, ed in una con Lukoil (quota Erg 20%),
insieme alla quale opera nella raffinazione costiera
(raffineria ISAB di Priolo).

Con la ERG Renew S.p.A., poi, il gruppo e'
attivo nel settore rinnovabili e principalmente
nell'eolico. Con 1.087 MW eolici in Italia e
1.340 in Europa, il gruppo Erg e' il primo
operatore italiano e tra i primi dieci in Europa.

Infine, troviamo la divisione Power, che si occupa
della produzione e fornitura di energia termoelettrica,
vapore e gas.

A fianco di queste attivita' principali, ci sono poi
le operations di supply e logistica, prevalentemente
destinate alle societa' del gruppo per ottimizzare
la gestione complessiva.

Complessivamente, vediamo che l'azienda ha
progressivamente ampliato il suo raggio di
azione dal tradizionale core business petrolifero
e negli ultimi anni si e' concentrata prevalentemente
nell'eolico. Nel piano investimenti 2013-2015, poi,
le rinnovabili hanno un peso di molto superiore
rispetto agli altri settori. Sono infatti 300 milioni
di euro gli investimenti previsti nei prossimi 3 anni,
pari al 60% del totale.

E' pertanto una società molto interessante sotto molti
punti di vista e quindi interessante anche per il portafoglio
di In Borsa in Italia, il nostro dedicato interamente
alla Borsa del nostro paese che in passato ha scovato titoli
che hanno fatto oltre il +100%.

E dal 2006, IBII ha guadagnato il +126%, mentre l'Indice
FTSE MIB perde, nello stesso periodo, addirittura il -41%.

Se volete conoscere il nostro e scoprire
i titoli del portafoglio, cliccate qui e fate una
prova gratuita e senza impegno per 15 giorni.
https://www.finanzaworld.it/product/view/13282c6ea957b788dd399bd259133bee74

Ma passiamo ora agli aspetti piu' critici.

La societa' ha registrato una notevole
contrazione di ricavi e utili rispetti ai
periodi migliori antecedenti la crisi del
2008/2009. Anche in questo caso,
come per Saras, ha pesato la contrazione
del settore raffinazione, ma per ERG c'e'
anche il calo dei volumi venduti (divisione
marketing).

Il settore rinnovabili invece mostra ricavi
in aumento.

Il debito resta mediamete alto, ma comunque
non proprio eccessivo data la tipologia del
business.

Sotto molti aspetti, possiamo rilevare che
il gruppo si sta progressivamente spostando
dal settore oil al business delle renewables,
con una focalizzazione sull'eolico.

Sara' importante vedere se il trend continuera'
e se il comparto delle rinnovabili si dimostrera'
veramente profittevole nei prossimi anni.


--------------------------------------

E' uscito il nuovo dossier di Francesco Carla'
"Da Zero a Investitore Intelligente", la guida per
trasformare un Fwiano Aspirante in un TopVincitore,
un dilettante allo sbaraglio in un bravo investitore.

Clicca subito qui per scaricarlo gratuitamente:

https://www.finanzaworld.it/product/view/1721e97
230f1177f257ddb128cf1dd9867e






Segnala questo articolo ad un amico

Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria