di FinanzaWorld staff

Interpump, attenzione alle quotazioni

del 23/04/2014
di FinanzaWorld staff
Interpump e' uno dei principali operatori internazionali
nel settore dell'oleodinamica e primo produttore
mondiale di pompe a pistoni professionali ad alta
pressione.

Il Gruppo Interpump fu fondato da Fulvio Montipò nel
1977 a S. Ilario d'Enza (RE). All'inizio, la societa'
produceva pompe a pistoni ad alta pressione.
A partire dagli anni '90, la crescita del Gruppo Interpump
iniziò a svilupparsi anche fuori dal settore delle pompe a
pistoni, attraverso l'acquisizione di aziende leader nella
produzione di macchine per la pulizia professionale
ed industriale e di motori elettrici.

Sul finire degli anni '90, sempre grazie ad una serie
di acquisizioni, Interpump entra nel settore
dell'oleodinamica e diventa il maggior produttore
mondiale anche di prese di forza.

In seguito, il gruppo cede alcuni business ritenuti meno
strategici e decide di concentrarsi nei settori a piu'
alto contenuto tecnologico, in particolare nei campi
delle pompe ad alta pressione, delle prese di forza e
delle pompe oleodinamiche. Settori nei quali la
societa' ha gia' la leadeship mondiale e sta
ora cercando di rafforzarla con acquisizioni mirate.

Oggi Interpump e' un gruppo che, come detto, e'
leader nei settori sopra indicati e realizza all'estero
l'80% del proprio fatturato.

Interpump e' pertanto una societa' molto interessante
sotto molti punti di vista anche per il nostro
premium In Borsa in Italia, il nostro
dedicato interamente alla Borsa del nostro paese che
in passato ha scovato titoli con performance vicine
al +100%.
E dal 2006, IBII ha guadagnato il +125%, mentre l'Indice
FTSE MIB perde, nello stesso periodo, addirittura il
-41%.

Se volete conoscere il nostro e scoprire
i titoli del portafoglio, cliccate qui e fate una
prova gratuita e senza impegno per 15 giorni.
https://www.finanzaworld.it/product/view/13282c6ea957b788dd399bd259133bee74

L'ultimo esercizio e' stata abbbastanza
positivo sul fronte dei ricavi, che sono
cresciuti del 5%, toccando quota 556 milioni
di euro.

Tuttavia, i margini si sono leggermente
ridotti sia a livello di utile operativo,
sia a livello di utile netto.

Infatti, l'utile d'esercizio si e' attestato
a quota 44 milioni, mentre lo scorso esercizio
era stato pari a 53 milioni.

Calano anche i ratios reddituali come il ROE
e il ROCE, che restano comunque abbastanza
buoni.

La posizione finanziaria netta della societa'
e' invece leggermente peggiorata, passando da
-74 milioni a -88 milioni.

Complessivamente l'azienda e' molto interessante
dal punto di vista operativo. I potenziali investitori,
comunque, dovrebbero tenere in considerazione anche
il fatto che oggi le quotazioni sono molto alte,
con un P/E intorno a quota 25.

Se ci sara' una correzione e una connessa contrazione
dei multipli, allora Interpump e' un titolo da
tenere assolutamente in considerazione.




Segnala questo articolo ad un amico

Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria