di FinanzaWorld staff

Analisi Italia: Datamat, crescita su piu' settori

del 6/04/2005
di FinanzaWorld staff

by FinanzaWorld staff

Il mercato italiano, sebbene sia povero di societa' con
alto contenuto tecnologico, puo' riservare delle splendide
sorprese, magari tra le piccole e medie imprese quotate al
Techstar.

Tra queste Datamat pare proprio una delle migliori.

Datamat e' uno dei principali fornitori italiani di prodotti
e Premium IT. L'attivita' si articola in quattro principali
mercati di sbocco (Difesa-spazio, PA-Sanita', Telecom-Media,
Banche-Assicurazioni), cui fanno capo tre divisioni ed una
serie di societa' controllate, con un'offerta di prodotti
propri e di terzi.

E di questi settori in cui opera, due stanno andando molto bene.

Innanzitutto il mercato Difesa-Spazio, che rappresentano da un
paio d'anni a questa parte quasi il 40% del fatturato: le
commesse ricevute sia dalla nostra Marina Militare, sia a
livello europeo, per la fornitura di sistemi di comando e
controllo navale, anche in collaborazione con Finmeccanica,
stanno aumentando molto.

Poi il settore bancario e assicurativo.

Per anni e' stato il vero core business, scalzato solo di recente
dal Difesa-Spazio, e anche se ha avuto un calo a livello di
fatturato, e' riuscito a crescere a livello di margini:
dimostrazione che la societa' si sta portando su prodotti
a piu' alto valore aggiunto, scartando quelli a minore
redditivita'.

Complessivamente i risultati sono in crescita costante.

I ricavi della societa' ammontano a circa 170 milioni di euro,
con un Ebitda che si attesta sui 28 milioni e un Ebit a
circa 21 milioni.

E in Borsa il titolo non smette di correre.

Negli ultimi due anni ' infatti salito di oltre il 200%,
crescita che lo eleverebbe al rango di TopVincitore nel portafoglio
di Francesco Carla' (www.finanzaworld.it/NlPremium.asp).

Ma come ben sanno i lettori di InvestitoreIntelligente,
(www.finanzaworld.it/NLInvestitoreIntelligente.asp?go=15g),
le societa' ad alto tasso di crescita non garantiscono certo un
andamento costante del loro valore, e i rischi insiti in tale
tipo di investimento sono maggiori proprio per la loro
volatilita'.

Quindi avanti, ma con cautela.


Ricominciano i corsi di FinanzaWorld, con le lezioni
di Francesco Carla' dal vivo.

L'appuntamento e' il 30 aprile 2005 a Bologna.

Il costo e' di 480 euro (IVA compresa)
e se ti iscrivi entro il 2 aprile 2005 riceverai i due dossier
di Francesco Carla' :
- investire in India
- investire in Cina

Affrettati, perche' i posti sono limitati!

Chiedi informazioni a corsi@finanzaworld.it






Segnala questo articolo ad un amico

Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria