di FinanzaWorld staff

Analisi Italia: Premuda, quando il trasporto vale

del 17/08/2005
di FinanzaWorld staff

by FinanzaWorld staff

In questa estate 2005 il petrolio segna ancora un record dietro l'altro.

Ormai i 60 dollari sono stati superati piu' volte, e c'e' chi vede
entro l'autunno un prezzo del petrolio a 70-80 dollari. Una situazione
di tal tipo non fara' certo bene alla nostra sempre piu' malandata
economia, ma comunque potrebbe avvantaggiare alcune nostre
small cap.

Non solo aziende che il petrolio lo raffinano, o che costruiscono le
trivelle per estrarlo o i tubi per incanalarlo; ma anche chi il
petrolio lo trasporta con le navi.

Ovviamente stiamo parlando di Premuda.

Premuda è uno dei principali gruppi armatoriali attivi nel trasporto
di merci liquide e secche alla rinfusa, con navi di proprietà e di terzi.

Prima compagnia marittima italiana ad essere quotata in Borsa,
dispone di una importante flotta di alto livello tecnico principalmente
costituita da tankers.

E tra le merci trasportate spicca per importanza l'oro nero.

E l'exploit del prezzo del petrolio, ma soprattutto la forte domanda
degli ultimi due anni, hanno permesso a Premuda di avere un bilancio
davvero esplosivo. Beh si insomma, in senso finanziario ovviamente.

I ricavi sono cresciuti del 20% tra 2003 e 2004, e si prevedono in forte
crescita anche nel 2005; l'utile e' letteralmente volato, dai precedenti
12 milioni di euro ai 30 milioni di euro del 2004.

La situazione finanziaria vede un fortissimo abbattimento dei debiti, che
passano da 280 milioni di euro a soli 180, in linea con il patrimonio
netto: non male per una societa' di questo tipo.

La Borsa ha giustamente premiato il suo momento d'oro.

Infatti negli ultimi due anni Premuda e' praticamente salita sempre,
crescendo in maniera esponenziale, da 0,6 euro a 1,7 di questi giorni
rendimento davvero superlativo, tipico di un TopVincitore, che abbia
le caratteristiche per entrare nel portafoglio di Francesco Carla'
(www.finanzaworld.it/NlPremium.asp).

E pare che il suo momentum non sia ancora finito.

Infatti la valutazione e' ancora abbordabile, se consideriamo un P/E
a 15 e un settore ancora in forte espansione; inoltre la societa'
dispone di un bel po' di cassa per poter finanziare gli investimenti
futuri senza appesantire troppo la sua struttura finanziaria.

Va poi considerato il tipo di attivita': il mercato non e' ciclico,
visto che Premuda si occupa del trasporto non solo del petrolio,
ma anche di molte altre merci, liquide e secche.

Insomma, una bella societa' che pare avere poche nubi all'orizzonte.

Nubi, che pero' come sanno i lettori abbonati ad InvestitoreIntelligente
(www.finanzaworld.it/NLInvestitoreIntelligente.asp?go=15g),
in Borsa possono sempre formarsi, e tramutare una bella societa' in una
mina vagante.

Anche Premuda puo' perdere la linea di galleggiamento. Vedremo.






Segnala questo articolo ad un amico

Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria