di FinanzaWorld staff

Carraro, riuscira' il turnaround?

del 20/07/2011
di FinanzaWorld staff

Carraro e' un'importante realta' italiana operante
in settori diversificati che comprendono sistemi
di trasmissione di potenza, componentistica e
trattori e macchine agricole.

Proprio quest'ultimo settore fu quello da cui parti'
l'attivita' addirittura negli anni '30, quando Carraro
realizzo' la sua prima seminatrice. Nel 1978, invece,
fu realizzato il primo trattore.

Presto l'azienda si consolido' in questo business, ma
dagli anni '70 inizio' a cambiare la focalizzazione del
gruppo. Carraro, infatti, inizio' a concentrarsi nella
componentistica con la divisione "assali e trasmissione",
la quale diventera' il core-business del gruppo.

Nei decenni seguenti il gruppo sviluppera' un processo
di crescita prima in Italia, poi nel resto del mondo,
sia tramite la costituzione di proprie filiali, sia
tramite acquisizioni di stabilimenti o intere societa'.

Tale processo di crescita consentira' al gruppo sia
l'espansione su diversi mercati geografici, sia l'entrata
in nuovi business, affini comunque a quelli originari.

Oggi Carraro e' presente in Europa, Nord e Sud
America, Cina ed India e pur avendo sempre la
divisione "assali e trassmissione" quale principale
"contribuente" al fatturato non ha abbandonato la
produzione di trattori ed ha aggiunto attivita' nella
meccanica, nella componentistica e nell'elettronica.

E' pertanto una societa' molto interessante sotto molti
punti di vista anche per il nostro premium In
Borsa in Italia, che in passato ha scovato titoli che hanno
fatto oltre il +100%.

E in 5 anni di vita ha guadagnato il +48% medio,
mentre l'Indice FTSE MIB perde, nello stesso periodo,
addirittura il -44%.

Se volete conoscere il nostro e scoprire i titoli
del portafoglio, cliccate qui e fate una prova gratuita e
senza impegno per 15 giorni.
https://www.finanzaworld.it/product/view/13282c6ea957b788dd399bd259133bee74

Veniamo ora agli elementi che presentano caratteri di
maggiore rischiosita'.

Carraro esce da un paio di anni molto difficili in cui
il business si e' contratto e gli utili, anche abbondanti,
che c'erano stato fino al 2008, sono diventati perdite
nel 2009 e 2010.

Ora la societa' sta uscendo da questi anni difficili e per
il 2011 e' atteso il ritorno al profitto. L'inizio e' stata
abbastanza buono, con un primo trimestre piuttosto
incoraggiante.

Altro elemento pericolo e' l'indebitamento, che
e' molto alto e pari a oltre tre volte il capitale
proprio.

Elemento di ulteriore preoccupazione e' un cash
flow piuttosto irregolare e che negli ultimi anni,
a livello operativo, non e' stato sufficiente a
finanziare gli investimenti. Da qui la necessita'
di ricorrere al debito.

Se i profitti ripartiranno, a questo punto la
societa' potrebbe riuscire a migliorare anche
la sua posizione finanziaria, che al momento,
comunque, e' piuttosto rischiosa.

Carraro potrebbe essere un buon turnaround
e come sappiamo spesso le ristrutturazioni
pagano bene in Borsa. Ma naturalmente
presentano anche caratteri di maggiore
rischiosita' di cui l'investitore deve tener
conto.

--------------------------------------

E' uscito il nuovo dossier di Francesco Carla'
"Da Zero a Investitore Intelligente", la guida per
trasformare un Fwiano Aspirante in un TopVincitore,
un dilettante allo sbaraglio in un bravo investitore.

Clicca subito qui per scaricarlo gratuitamente:

https://www.finanzaworld.it/product/view/1721e97
230f1177f257ddb128cf1dd9867e






Segnala questo articolo ad un amico

Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria