di Francesco Carlà

10 domande per voi posson bastare? (2014)

del 6/10/2014
di Francesco Carlà
Sei anni e mezzo fa vi avevo mandato questa
missiva: conteneva 10 domande e avevo citato
una canzone di Lucio Battisti per farvi venire
voglia di leggerle tutte.

Sono le domande che ogni Investitore Intelligente
che si rispetti dovrebbe farsi prima di investire.

E durante l'investimento.

Se, pensando ai vostri investimenti attuali o futuri,
riuscite a dare una risposta positiva a tutte e 10
le domande, o almeno alla grande maggioranza delle stesse,
probabilmente avete in mano un cavallo vincente.

E forse non vincera' solo in una corsa, ma
spesso, e in tutta la carriera.


Ecco le domande, rispondete sinceramente.

1 La societa' che vi piace fa prodotti e Premium
che interessano un mucchio di gente da tanto tempo
e avete buone certezze che nei prossimi anni
continueranno ad interessare sempre di piu'?

2 L'azienda su cui volete investire e' guidata da
un management che ha la qualita' e la determinazione
per sviluppare senza sosta nuovi prodotti e Premium?

3 La forza vendita (i venditori) della societa' che
vi interessa e' al di sopra della media delle sue
concorrenti sul mercato?

4 Quanti soldi guadagna la societa' nel vostro radar
per ogni euro di fatturato? Il suo profitto netto
e' migliore di quello dei concorrenti?

5 Come vanno, nell'azienda che state seguendo, i rapporti
tra i proprietari, i manager e gli altri dipendenti?

6 La vostra societa' che attenzione e scrupolo ha
dimostrato di mettere nella zona amministrativa
e nel controllo dei suoi conti?

7 Nell'azienda che vi interessa, di solito hanno piu'
occhio per i profitti a breve termine o per quelli
a medio e lungo termine? Uovo oggi o gallina domani?

8 La societa' che vi piace tiene un canale di comunicazione
aperto con i suoi investitori e parla chiaro sia
quando le cose vanno bene che quando vanno male?

9 I dirigenti dell'azienda nel vostro mirino hanno sempre
dato prova di mettere 'il portafoglio dove mettono
la bocca', cioe' di fare seguire i fatti alle parole?
E soprattutto di non spremere l'azienda a loro
vantaggio invece che per il bene degli azionisti?

10 La societa' ha abbastanza soldi in cassa per finanziare
il suo sviluppo senza diluire il valore dei titoli
in mano ai suoi azionisti con aumenti di capitale,
anzi magari ha la ottima abitudine di fare buyback
quando il business e' sottovalutato?

Fatto? Le risposte sono positive?

Un'avvertenza prima di chiudere: le societa' sono
come le persone: a volte cambiano in peggio.
Quindi rifatevi le domande ogni sei o dodici mesi.


Ho pensato di creare un'occasione, unica nel 2014, di
incontrarci a fine novembre dal vivo a Bologna, e regalarvi
l'abbonamento a "Comincia ad Investire Con Carlà"
(riservato SOLO ai primi iscritti): partecipate a "Comincia
ad Investire Con Carlà LIVE!" 2014. Potete informarvi
ed aderire subito cliccando qui.


Un caro saluto a tutti,
Vs. Francesco Carla'




Segnala questo articolo ad un amico

Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria