di Francesco Carlà

Chi non investe (bene) non fa l'amore

del 22/05/2003
di Francesco Carlà

Qualche giorno fa ho pubblicato la lettera di
Vito, speculatore improvvisato e rischiosissimo.

Eccola qui:
www.finanzaworld.it/newsletter.asp?IDNL=716&a=1

Oggi invece la missiva di Anyese, giovane donna
preoccupata, alle prese con un innamorato colpito
dal morbo della speculazione finanziaria.

Buona lettura.

-Anyese Burns
Egregio Sig. Carla',
Le scrivo per sfogare un po' le mie preoccupazioni.

Questa mail non ha molto a che vedere con le richieste
di consigli o altro per investimenti o buoni input per
guadagnare sfruttando le Borse, in realta' e' piu'
uno sfogo per la situazione in cui si trova il mio ragazzo.

Ho iniziato a conoscere le Sue newslettere per amore
del mio uomo, per cercare di condividere con lui le
problematiche che affronta quando 'gioca' in borsa
(devo dire che La trovo molto simpatico!).

Le riassumo brevemente (se riesco!) la mia situazione.

Sono una donna separata da poco con due figli, ma gia'
da 8 anni amo un altro uomo con il quale ho deciso di
passare il resto della mia vita.

Lui aveva messo da parte circa 130 milioni delle vecchie
lire ed ha iniziato a 'giocare' (anche se lui mette i
puntini sulle i e dice speculare e che quindi il mio
concetto di 'gioco' e' sbagliato) in borsa acquistando le
famigerate Generali che gli hanno fatto perdere un sacco
di soldi, fino ad arrivare ad una quarantina circa (a quel
che dice lui!, infatti quando entriamo in argomento,
lui si chiude in se stesso e non mi parla, e' tabu',
dice che quando sara' il momento me ne parlera'!)

Ci credo poco anche perche' lo vedo sempre piu' afflitto.

Lui infatti, sta continuando a giocare in borsa, ma non
so ora come sia messo perche' dice di voler recuperare
tutto quel che ha perso per potermi garantire un futuro
tranquillo, acquistando una casa ed avendo soldi da parte.

Continua ad armeggiare con C. Warrant, con 'put', 'call',
al ribasso, e chi piu' ne ha piu' ne metta.

Io purtroppo ho molto poca fiducia e sono abbastanza
preoccupata sul fatto che questa cosa possa diventare
per lui una vera e propria malattia (se non lo e' gia'
ora!) anche se lui mi assicura che cosi' non e', ma e'
sempre nervosissimo, ha sempre mal di stomaco, e'
stressato e ne va a volte della nostra tranquillita'.

Anche nell'intimita'!

Gli ho detto che quando finalmente andremo a vivere assieme,
lui mi deve promettere che non giochera' piu' i soldi in
borsa, al che mi ha detto: 'E' come se mi stessi togliendo
il sangue, facendomi una richiesta simile!'

Alla fine comunque lui ha promesso che non lo fara',
ma temo molto perche' mi sto convincendo che sia veramente
una malattia per lui.

Ecco, piu' o meno questo era cio' che volevo esternarLe,
e confidarLe. So che non serve a nulla, pero' volevo
conoscesse anche questa mia situazione.

Cordialmente.

-Carla'
In effetti non so proprio cosa dire.

Mi pare che la e-lettera di Anyese, cui ho
risposto anche privatamente, si commenti da sola:
speculare sui mercati finanziari puo' ricordare
sinistramente la frequentazione dei casino'
e delle sale corse.

Scommettere invece che investire.

Ma per diventare speculatori professionali la
scuola e' lunga e molto dura. E ci vogliono le
indispensabili doti naturali e quelle finanziarie,
per tacere di quelle tecnologiche e tecniche.
Altrimenti il mercato ti massacra senza pieta'.

E ne risente anche l'intimita'.

Ps. Come vi avevo annunciato, e' appena uscito
il mio nuovo libro/guida per investire in tempi
difficili: TRADING ON LINE seconda edizione.

Cliccate qui per comprarlo su Internet:

www.apogeonline.com/apogeo/ShCart.po?ACT=ADD&ID=LIBRO-88-7303-910-3

www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?shop=1&c=KNB9SJ6LQJ6GK


Mi piacerebbe molto entrare in contatto con
Fwiani che sono anche manager di fondi e portafogli,
soprattutto con quelli che si occupano di Wall Street.
Pensavo e penso ad una serie di possibilita' di
collaborazione.

Scrivetemi e parlatemi di voi a: f.carla@finanzaworld.it






Segnala questo articolo ad un amico

Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria